Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

navidad15

[Mail di Chules]

Cari amici,

As-itis-iusual, inviamo programma dei festeggiamenti natalizi di Bocatas, con l’intenzione di passare dei bei momenti insieme.

1.- Sabato 24, ore 13:00, bar di Halid al lato della Parrocchia di Santo Tomás Apostolo (C/Portugalete, 2) vedi in maps.

2.- 31 Dicembre: ore 11.00 h C/ Pintor Rosales con C/ Marqués Urquijo per il tradizionale pellegrinaggio alla Cattedrale dell’Almudena, dove celebreremo messa, a seguire aperitivo mitico-epico (si richiede andare con ascia e armatura) al Bar Reyes, vicino a Plaza Castilla (vedi in maps).

3.- Vi giro due cose che mi hanno impressionato molto, di due metodi che abbiamo nella vita per poterla godere, qualunque sia il momento che stiamo attraversando:

– Intervista ad un sopravvissuto degli attacchi terroristici di Parigi:

Ieri è stata pubblicata la trascrizione di un’intervista radiofonica a uno che era stato tenuto in ostaggio nel  Bataclan dai terroristi per due ore e messo. A un certo punto, il giornalista gli chiede. «Cosa hai imparato da questa cosa così straordinaria che vi è successa?».« Che la vita è appesa a un filo, ed è necessario apprezzarla, e non c’era niente di più serio che il fatto che fossimo ancora vivi.» «Che cosa avete imparato da loro, dagli aggressori ?»  «Che avevano bisogno di un ideale che il mondo occidentale in cui vivevano –dato che erano chiaramente francese, parlavano in francese–, il mondo in cui vivevano non offriva loro. E hanno trovato un ideale mortale, di vendetta di odio e di terrore […]. Ma loro hanno capito troppo tardi che la vita era importante. Io oggi posso rendermi conto che ogni momento che trascorro con la mia famiglia […] è una benedizione. I  semplici momenti di una vita fanno parte delle più belle cose che possiamo avere, e di questo ci rendiamo conto solo quando succede questo tipo di shock, come quello che ho vissuto. Ho l’impressione di essere nato una seconda volta e voglio gustare questa nuova vita che mi è stata regalata».

Il video di Sando che un buon amico ha realizzato per fare gli auguri di Natale nella sua azienda. Fate caso a quando parla dei “momento di semplicità della vita”.

Il Natale partecipa di questo metodo: qualcosa di semplice, proprio sotto i nostri occhi, che a volte non lo vediamo perché non guardiamo. (come essere vivi o la realtà). Dio si è mostrato all’uomo allo stesso modo, con lo stesso metodo.

Abrazos a tutti.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0
Share
This