L’arcivescovo di Madrid, monsignor Carlos Osoro, ha trascorso la notte di venerdì distribuendo panini ai tossicodipendenti di Cañada Real, alla periferia di Madrid, insieme ai membri della ONG Bocatas

Monsignor Osoro ha distribioto alimenti, ha accompagnato e parlato con i tossicodipendenti e gli zingari che, come ogni Venerdì, si avvicinano ai membri di Bocatas. «E ‘stato molto bello e Don Carlos era come uno di noi mentre parlava con loro. Lo abbiamo presentato ai nostri amici ed è stato molto vicino a tutti noi, come un padre, ringraziandoci per tutto quello che facciamo e incoraggiandoci a a continuare» dice Jesús de Alba, Chules, uno dei fondatori della Bocatas.

sando, vicario y copito

Sandokan, D. José Luis Segovia (Vicario di Pastorale Sociale) e D. Jorge “Copito” a Bocatas

L’arcivescovo di Madrid «ha mostrato grande paternità, il tutto senza la distanza che ci potrebbe essere legata al ruolo», e ha confessato che «anche lui ha avuto la possibilità di accompagnare le persone tossicodipendenti, ha aperto case per gli ex-carcerati perché avevano capito che le persone sono molto sole, non hanno nessuno che le accompagna quando riescono a uscire dal tunnel della droga e per questo molti ci ricascano. Senza compagnia, la gente ritorna al buco nero dal quale erano usciti», dice Chules. Questa uscita è sta possibile per l’iniziativa dello stesso Chules: «Gli ho inviato una lettera per invitarlo a venire con noi una notte, in modo che il nostro popolo potesse conoscere la realtà della Chiesa, che è prossima a loro e che può essere importante per la vostra vita come lo è per noi».

Così nacque la Chiesa

Bocatas è nata venti anni fa nei tunnel del centro commerciale della zona di Azca, allora una delle più difficili che c’erano a Madrid, quando tre amici hanno cominciato a distribuire cibo e abiti ai senzatetto e ai tossicodipendenti. Oggi, gli amici di Bocatas continuare a fare la stessa cosa ogni venerdì presso alla Cañada Real (trad. Sentiero Reale. Sono sentieri di proprietà della famiglia reale spagnola che attraversano la Spagna e che sono utilizzati per a transumanza del bestiame. Per legge, su questi terreni è proibito edificare. Qui si riferisce a una zona periferica di Madrid, collocata a sud est della città, appena al di fuori delle tangenziali di difficile accesso e dove si è sviluppato uno dei centri di spaccio più attivi di Madrid. n.d.t. ). «Diamo panini e cibo, ma diamo anche la nostra amicizia, perché le esigenze di queste persone non sono così tanto e unicamente materiali, ma di una relazione, una amicizia. In realtà, così è nata la Chiesa, Cristo iniziò come amico degli apostoli», riconosce Chules. Ad (11) Inoltre, questa amicizia «è un dono di Dio, perché facciamo questo ogni venerdì da venti anni a questa parte e, soprattutto, siamo aperti a chiunque voglia venire con noi, anche le persone con problemi nella loro vita personale che vogliono aiutare gli altri. In questi venti anni abbiamo visto come il Signore e la Chiesa guariscono la vita, non solo i tossicodipendenti, ma anche di molti amici con le loro crisi personali che ci hanno accompagnato». E lungi dal pensare ai risultati, Chules osserva che «ci muoviamo per amore, non per il risultato che possiamo ottenere. Abbiamo sempre avuto chiaro che i frutti sono sempre il Signore. Se abbiamo avuto la fortuna di vedere alcuni amici uscire dalla droga è perché Cristo c’è, ed i frutti sono tuoi».

Juan Luis Vázquez Díaz-Mayordomo
21 di settembre di 2015
Share
This

Post a comment